Fiano di Avellino


Denominazione:

Fiano di Avellino DOCG.

Vitigno:

Fiano di Avellino 100%.

Ubicazione Vigneti:

i territori di produzione sono della provincia di Avellino e sono di media collina, in particolare del comune di Lapio, piccolo borgo della Valle del Calore, che ancora oggi è considerato per molti versi come la sua terra d’elezione ed ospita circa un quinto della superficie vitata.

Esposizione ed altitudine vigneti:

est dai circa 300 agli oltre 600mt s.l.m.

Natura del terreno:

argilloso-calcarea con elementi vulcanici, più sciolti in alcune zone, più tenaci e compatti in altre, addirittura su roccia viva in altri siti ancora.

Allevamento della vite:

a spalliera con potatura a guyot.

Densità impianto:

3 ettari.

Superficie:

25 anni.

Età media della vite:

25 anni.

Resa per ettaro :

80q.

Tecniche di vinificazione:

prodotto con uve raccolte e selezionate a mano. Dopo la pressatura soffice delle uve la fermentazione avviene in serbatoi di acciaio ad una temperatura controllata di 16-18°C. Il vino affina in serbatoi di acciaio sui propri lieviti prima di essere imbottigliato.

Abbinamento:

con crostacei e molluschi prima di tutto, ma anche con zuppe e vellutate a base di legumi e verdure e carni bianche alla griglia.

Prima annata prodotta:

2008